Michele Rua – Congresso Salesiano – Incoronazione di Maria Ausiliatrice – Il Card. Protettore.

Tornò dolce il vedere che il Congresso trasse a Torino il fior fiore dei Cooperatori e delle pie Cooperataci! Essi vennero da lontani paesi, portati unicamente dal desiderio di sempre più stringere i vincoli di carità che li uniscono all’umile Società Salesiana, sempre meglio intendersi sul modo di aiutare le Opere che si hanno tra mano e renderle ognor più feconde per la salvezza delle anime. Onorarono il Congresso collo splendore della loro altissima dignità tre Eminentissimi Cardinali di S. Chiesa e oltre a trenta Eccellentissimi Arcivescovi e Vescovi, i quali accesero tutti i cuori d’un santo entusiasmo colla loro autorevole ed eloquentissima parola. Continue reading “Michele Rua – Congresso Salesiano – Incoronazione di Maria Ausiliatrice – Il Card. Protettore.”

Paolo Albera – Annunzio della pubblicazione degli «Atti del Capitolo Superiore»

Per rendere più diretti e saldi i rapporti che stringono tutte le Case col centro della Pia Società, il Capitolo Superiore ha deliberato di comunicare i suoi Atti ai Confratelli in un Fascicolo intitolato «Atti del Capitolo Superiore della Pia Società Salesiana», che, d’ordinario, si pubblicherà ogni due mesi.

Continue reading “Paolo Albera – Annunzio della pubblicazione degli «Atti del Capitolo Superiore»”

Michele Rua – XI Capitolo Generale.

A tutti è noto quanto la precedente adunanza generale abbia studiato accuratamente il Regolamento dei Capitoli Generali che, inserito nelle Deliberazioni organiche approvate
dalla Santa Sede il 1° Settembre 1905, divenne per noi obbligatorio al pari delle nostre Costituzioni, e però sarà d ’ora innanzi base e norma di tutti i nostri Capitoli Generali.
Scopo precipuo del prossimo Capitolo sarà l’elezione del Rettor Maggiore e degli altri membri del Capitolo Superiore, la revisione dei Regolamenti, attualmente ad experimentum, secondo fu deliberato nell’ultimo Capitolo Generale, e la discussione di quelle altre proposte giudicate vantaggiose per il buon andamento della nostra Pia Società.

Periodo di riferimento: 1910

M. Rua, XI Capitolo Generale, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 450-453

Michele Rua – Gli Oratorii festivi.

Nelle deliberazioni del Secondo Capitolo Generale si fa minzione di lettere edificanti, che si scriverebbero di quando in quando a tutti i confratelli. Loro argomento sarebbero tutte quelle cose, le quali possono servire di sprone a lavorare alla maggior gloria di Dio e giovare a mantener vivo ne’ cuori il fuoco della cristiana pietà. Pel passato molte notizie che avrebbero potuto dare materia a tali lettere, vennero pubblicate nel Bollettino Salesiano, in cui si concesse ognora largo spazio alle feste celebrate ne’ nostri istituti ed alle lettere così interessanti dei
nostri missionari. Ma questa pubblicazione, che può bastare per tenerci uniti coi nostri benemeriti Cooperatori, ormai non può più essere l’organo delle intime relazioni che
devono esistere fra i membri della nostra Pia Società. Si è per questo che io, a norma delle sovraindicate deliberazioni e ad imitazione d ’altre religiose famiglie, vi indirizzerò a quando a quando qualche lettera edificante, cui vi raccomando di leggere in refettorio o altrove allorché tutta la comunità si trova riunita.

Periodo di riferimento: 1893

M. Rua, Gli Oratorii festivi, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 457-463

Michele Rua – Osservanza delle Costituzioni e dei Regolamenti.

Le Costituzioni, uscite dal cuore paterno di D. Bosco, approvate dalla Chiesa, infallibile ne’ suoi insegnamenti, saranno la vostra guida, la. vostra difesa in ogni pericolo, in ogni dubbio o difficoltà. Con San Francesco d ’Assisi vi dirò: Benedetto sia il religioso che osserva le sue sante Regole! Esse sono il libro della vita, la speranza della salute, il midollo dal Vangelo, la via della perfezione, la chiave del Paradiso, il patto della nostra alleanza con Dio. Vi è in ogni Congregazione un insieme d’idee e di tendenze, una maniera di pensare e di fare, che forma lo spinto proprio della medesima, cioè la S. Regola. Per arrivare quindi ad essere ben imbevuti dello spirito del Ven. D. Bosco noi dovremmo leggere e meditare le nostre Costituzioni.
Facilmente uno si crede di conoscerle e di comprenderle, ma venendo poi all’opera egli s’accorge che le cose vanno ben altrimenti. E tale inconveniente non succederebbe qualora noi ricordassimo ad ogni momento che dinanzi all’altare, in presenza dai confratelli, chiamando Dio, la S S. Vergine ed i Santi del Cielo a testimoni, abbiamo fatto la solenne promessa di vivere secondo le Costituzioni della Società di San Francesco di Sales. Non dovremmo mai dimenticare che nell’Archivio della nostra Pia Società vi è una pagina da noi sottoscritta che dice: Io N.N. sottoscritto ho letto e inteso le Costituzioni della Società di San Francesco
di Sales, e prometto di osservarle costantemente, secondo la formola dei voti da me ora pronunziata.

Periodo di riferimento: 1909

M. Rua, Osservanza delle Costituzioni e dei Regolamenti, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 437-449

Michele Rua – Visita straordinaria a tutte le case della Pia Società Salesiana.

Don Bosco scrisse all’art. 79 delle Costituzioni: “II Rettor Maggiore visiterà ciascuna casa almeno una volta l’anno o in persona o per mezzo del Visitatore, per esantinare diligentemente se si compiono i doveri imposti dalle Costituzioni della Società: e nello stesso tempo osservi se
l’amministrazione delle cose spirituali e temporali tenda realmente allo scopo proposto, il quale si è di promuovere la gloria di Dio e la salvezza delle anime.”

Periodo di riferimento: 1908

M. Rua, Visita straordinaria a tutte le case della Pia Società Salesiana, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 406-409

Michele Rua – Rendiconto – Obbedienza Avvisi vari.

Il Rettor Maggiore, circondato da vàri fra i più anziani membri della nostra famiglia, nel vedere insieme radunati quei confratelli che in modo speciale godono della fiducia del Capitolo Superiore, nel poter rivolgere la parola a coloro che hanno tanta parte nella direzione ed amministrazione dei nostri istituti, si séntii inondare il cuore di santa gioia, ed avrebbe voluto farla gustare a tutti gli Ispettori e Direttori. Egli si è egualmente industriato di dare ogni sera, dopo le orazioni, alcuni avvisi di grande importanza, ed avrebbe voluto che quegli avvisi ed esortazioni giungessero all’orecchio di tutti gl’ispettori e Direttori della Pia Società. Ma poiché non era possibile che tutti fossero presenti, ha creduto opportuno farne una circolare esclusivamente indirizzata agli Ispettori e Direttori. 

Periodo di riferimento: 1906

M. Rua, Rendiconto – Obbedienza Avvisi vari, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 368-383

Michele Rua – Norme per ben regolare le relazioni con l’istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

Da varie case salesiane giunsero domande per il Rettor Maggiore riguardo alle relazioni che vi possono essere fra la Pia Società di S. Francesco di Sales e l’istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, entrambi fondati dal venerato Padre D. Bosco. La S. Sede suole prendere in particolare considerazione gli istituti femminili di qualche importanza, conformandone
le costituzioni con le Norme emanate della S. Congregazione dei V V. e R R. il 28 giugno 1901. Come fece con altri Istituti congeneri, così fece riguardo all’istituto delle Figlie di Maria  Ausiliatrice.

Periodo di riferimento: 1906

M. Rua, Norme per ben regolare le relazioni con l ’istituto delle Figlie di Maria. Ausiliatrice., Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 383-385

Michele Rua – Le deliberazioni organiche canonicamente approvate.

Oggi è la Festa Onomastica del Rettor Maggiore, che decide di preparare un regalo ai suoi Confratelli. Nella circolare del 19 Febbraio dell’anno 1905 fece notare con quanta solennità fu tenuto il Capitolo Generale ultimo e di quanta importanza è stato, per il modo con cui si svolse, per i Confratelli che vi presero parte e soprattutto per gli argomenti vitali per la loro Congregazione che vi si trattarono. Fu ammirabile la calma imperturbata che sempre vi regnò accompagnata da carità fraterna ed esemplare accondiscendenza anche nei casi di disparità di pareri. Quelle adunanze erano state veramente scuola di sapienza, d’umiltà e di carità. Intanto portava a loro conoscenza come il X Capitolo Generale aveva divise le sue deliberazioni in due categorie : nell’una erano compresi gli articoli organici, quelli cioè che l’Assemblea aveva giudicati necessari a completare le Costituzioni e a darne un’autentica interpretazione
in questi tempi, in cui ormai la Pia Società si è svolta in tutte le sue parti ed organizzata con la maggior esattezza possibile in conformità alle prescrizioni della Chiesa ed allo spirito del Padre, D. Bosco. 

Periodo di riferimento: 1905

M. Rua, Le deliberazioni organiche canonicamente approvate, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 356-359

Michele Rua – Il Capitolo Generale X. La Pia Unione dei Cooperatori Salesiani.

Il Rettor Maggiore accenna il Capitolo Generale X che ebbe principio il 23 Agosto e terminò la sera del 13 Settembre dell’anno 1904. Questa solenne assemblea fu indetta sei mesi prima, e fu convocata osservando scrupolosamente tutte le norme che la Chiesa sapientemente ha tracciato alle Comunità Religiose. Furono presenti tutto il Capitolo Superiore, il Procuratore Generale, tutti gli Ispettori ed un Delegato eletto dai confratelli nei Capitoli Ispettoriali. Furono assenti solamente gli Ispettori dell’Equatore e di S. Salvador in America, legittimamente  impediti.

Con ragione fu considerato quale un gran progresso nella Pia Società l’aver istituite le Ispettorie, che la S. Sede ha canonicamente approvate. E ’ immenso il bene che si spera dal trovarsi raggruppati insieme, gl’istituti d’una stessa regione, e dall’essere i medesimi posti sotto la speciale sorveglianza di un Superiore che rappresenta il Rettor Maggiore. Ben persuasi dell’importanza di questa divisione, i Membri del Capitolo Generale X fecero uno studio particolare dei doveri degli Ispettori e delle relazioni che debbano esistere fra loro e le Case che ne dipendono. 

Periodo di riferimento: 1905

M. Rua, Il Capitolo Generale X. La Pia Unione dei Cooperatori Salesiani, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 341-357

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑