Marcel Verhulst – Le rôle joué par don Scaloni dans l’oeuvre salésienne du Congo entre 1918 et 1926

L’autore intende recuperare il ruolo di “fondatore dell’Opera salesiana in Congo” giocato da don Francesco Scaloni (1861-1926) ispettore della ispettoria belga, attraverso la presentazione della sua azione per l ’apertura, il consolidamento e l ’orientamento delle missioni salesiane in quella terra.

L’invio dei primi confratelli (1911-1912), la quindicennale corrispondenza con loro e le due visite canoniche (1914, 1926) ne giustificano ampiamente il titolo, senza con ciò nulla togliere a don Giuseppe Sak (1875-1946) capo della prima spedizione missionaria, direttore della prima comunità salesiana in Congo, iniziatore e protagonista dell’opera salesiana nel Katanga, di cui fu prefetto apostolico per venti anni (1925-1945).

A giudizio dell’autore, entrambi possono essere definiti “fondatori”, anche se a diverso titolo. Essi furono semplicemente complementari.

 

Indice:

Introduction

  1. Les négociations pour l’envoi des salésiens au Congo (1910-1911)
  2. Les premières années de l’implantation (1911-1914)
  3. La visite canonique ordinaire de 1914
  4. La période de la guerre et de l’après-guerre (1915-1925)
  5. La visite canonique extraordinaire de 1926

Conclusions

Reference time period: 1918 – 1926

M. Verhulst, Le rôle joué par don Scaloni dans l’oeuvre salésienne du Congo entre 1918 et 1926, in «Ricerche Storiche Salesiane» 27 (2008) 51, 7-60.

Reference institution:
Istituto Storico Salesiano
Istituto Storico Salesiano

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑