Giovanni Bosco – The Institute of the Daughters of Mary Help of christians

In the early 1870s, when the Salesian Society was going through a happy time of expansion beyond the borders of Piedmont, thanks also to the many vocations flowing in, Don Bosco, with a group of Daughters of Mary Immaculate at Mornese who were gathered around Mary Domenica Mazzarello (1837-1881), gave life to the Institute of the Daughters of Mary Help of Christians. In a very short time it was approved by the Diocesan Ordinary and aggregated to the Salesian society, then spread throughout Italy and overseas. We publish here five documents on this women’s foundation.

Continue reading “Giovanni Bosco – The Institute of the Daughters of Mary Help of christians”

Maria Dosio,Maria Gannon,Maria Marchi,Maria Piera Manello – «Io ti darò la maestra…». Il coraggio di educare alla scuola di Maria. Atti del Convegno Mariano Internazionale promosso dalla Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium” – Roma, 27-30 dicembre 2004

Grazia Loparco,Paola Cuccioli – Donne tra beneficienza ed educazione. La «Lega del Bene “Vittorio Emmanuelle III”» a Pavia (1914-1936)

La ricchezza di questa storia non sta in una semplice visione d’insieme, ma nelle pieghe che esse svela, nelle sue luci e nelle sue ombre, descrivendo i passaggi da un periodo all’altro, la fisionomia delle persone coinvolte nell’avventura, l’adattamento ai tempi.
Si coglie così, con piacere, che la “Lega del Bene” è una fondazione assistenziale prettamente femminile, voluta dalla Martinetti e sostenuta inizialmente soprattutto da altre donne benestanti di Pavia; che la Martinetti aveva cercato di aiutare i minorenni non solo sotto l’aspetto pratico, cioè con la sua fondazione, ma aveva anche tentato di promuovere una riflessione sulle loro difficoltà, per poter arrivare a migliorare gli interventi in loro favore; che il fascismo ha influito sulla struttura della istituzione, facendola rientrare nel grande complesso delle opere sovvenzionate dall’ONMI e portandola anche a mutare parzialmente il suo fine originario che, non mettendo più in primo piano il minorenne, si concentra – col 1931 – anche sul bambino divezzo; infine, che anche la chiamata di un istituto religioso – le Figlie di Maria Ausiliatrice – risponde ai segni dei tempi e a quanto si verifica in altre istituzioni, per rendere stabili le opere e – viene pure sottolineato – per diminuire le spese del “Nido”.

Periodo di riferimento: 1914 – 1936

Paola Cuccioli –  Grazia Loparco (eds.), Donne tra beneficienza ed educazione. La «Lega del Bene “Vittorio Emmanuelle III”» a Pavia (1914-1936), Roma, LAS 2003.

Istituzione di riferimento:
Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium”
Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione

Marcella Farina,Maria Marchi – Maria nell’educazione di Gesù Cristo e del cristiano. 1. La pedagogia interroga alcune fonti biblico-teologiche

Il presente volume contiene gli Atti del Seminario di studio sul tema Maria nell’educazione di Gesù Cristo e del cristiano svoltosi presso la Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium nel dicembre 2001.

Continue reading “Marcella Farina,Maria Marchi – Maria nell’educazione di Gesù Cristo e del cristiano. 1. La pedagogia interroga alcune fonti biblico-teologiche”

Grazia Loparco,Maria Piera Manello – Maria nell’educazione di Gesù Cristo e del cristiano 2. Approccio interdisciplinare a Gv 19,25-27

Il presente volume raccoglie gli Atti del pre-seminario svolto all’Auxilium l’8 febbraio 2003 sul tema: Maria nell’educazione di Gesù Cristo e del cristiano in cui si è avviato un confronto tra discipline teologiche e scienze dell’educazione. Esso si pone come prosecuzione della riflessione sul medesimo tema affrontato in un precedente seminario, i cui Atti sono stati pubblicati dall’Editrice LAS nel 2002.

L’iniziativa del pre-seminario conferma l’impegno di perseverare in un cammino certamente non facile, ma promettente, che conduce a riconoscere e a valorizzare la presenza di Maria nella formazione dei cristiani.

L’interesse per il tema educativo in prospettiva mariana ha orientato a soffermarsi questa volta sulla pericope neotestamentaria di Giovanni 19,25-27, che sembra evocare più immediatamente la missione di maternità universale della Madre del Redentore.

INDICE:

LOPARCO Grazia – MANELLO Maria Piera, Introduzione

MANELLO Maria Piera – MARCHI Maria, Sulle tracce di un “rilancio ma-riano”. Il contributo della Pontificia Facoltà di Scienze del-l’Educazione “Auxilium

FARINA Marcella, Alla ricerca del fondamento

RELAZIONI

BARTOLOMÉ Juan José, La testimonianza del quarto vangelo

MARCHIMaria, Le coordinate del processo educativo

CASETTA Giuseppe, Quale antropologia per un’educazione integrale?

PINKUS Lucio, Alma Redemptoris Mater. Un approccio psicodinamico al tema: Maria nell’educazione di Cristo e del cristiano

COMUNICAZIONI

STICKLER Gertrud, La forza della fede nella personalità di Maria e lo svi-luppo della sua maternità

ROSANNA Enrica, Lavoro di cura e maternità nella “Welfare society”. Spunti per la riflessione e il confronto

CHANG Hiang-Chu Ausilia, Un approccio pedagogico-didattico a Gv 19,25-27

TRICARICO Maria Franca, L’arte ri-esprime il brano di Gv 19,25-27: L’Al-tare dei sette sacramenti. Rogier van der Weyden, Koninklijk Museum voor Schone Kunsten, Anversa

INTERVENTI

ESCUDERO Antonio, Un’interpretazione storico-salvifica di alcune peri-copi giovannee

SERRA Aristide, Note esegetiche integrative

MARITANO Mario, Echi dell’insegnamento dei Padri della Chiesa

BOAGA Emanuele, Approccio storico-spirituale

LOPARCO Grazia, Spunti per l’indagine storica

MANELLO Maria Piera, Un approccio metodologico in chiave catechetica.

SCARAFFIA Lucetta, La maternità in prospettiva storico-critica

CANGIÀ Caterina, Educare la generazione della cultura digitale. Alcune considerazioni

SPIGA Maria Teresa, Generazioni a confronto e identità in crisi. Prospettiva sociologica

DI NICOLA Giulia Paola, Una risonanza personalista ed esperienziale su Gv 19,25-27

PUNTUALIZZAZIONE FINALE

FARINA Marcella, “Cose antiche e cose nuove”

Periodo di riferimento: 2020

Grazia Loparco – Maria Piera Manello (eds.), Maria nell’educazione di Gesù Cristo e del cristiano 2. Approccio interdisciplinare a Gv 19,25-27. Atti del pre-seminario di studio promosso dalla  Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium” Roma, 8 febbraio 2003,  Roma, LAS 2003.

Istituzione di riferimento:
Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium”
Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione

Grazia Loparco – Le Figlie di Maria Ausiliatrice nella società italiana (1900-1922). Percorsi e problemi di ricerca

Queste pagine, ravvivate dal­la non rara citazione di autori dei primi del Novecento, come Turati, Treves, e del­la rivista Critica sociale, di storici ben noti, come Jemolo e Menozzi, dal­la conoscenza di studi anche “laici”, ci presentano queste Figlie di Maria Ausiliatrice nel loro insieme: attive, coraggiose, vivaci, fedeli al proprio carisma salesiano, e insie­me sensibili al­le esigenze del momento. I terribili ispettori governativi del Ministero del­la Pubblica Istruzione (nel­le scuole), e del Ministero degli Interni (nei convitti per operaie) lentamente superano la loro diffidenza, anche se parlano ancora di suore “furbe”. Quei liberali e quei socialisti sbagliavano. Non si trattava di furbizia, ma di adattamento ai tempi, di autentica ansia apostolica, che negli ospedali militari evitava qualunque pressione per la frequenza ai sacramenti, e si limitava a cenni accetti ed efficaci, e nel­le scuole, negli oratori, nei convitti mostrava un sincero amor patrio, ma unito sempre al­la piena fedeltà al papa, evitava troppe devozioni, ed insisteva sul­l’essenziale, correttezza, sacrificio, letture sane, confessione e comunione. Le Figlie di Maria Ausiliatrice non erano furbe nel senso deteriore, e forse non mancava in esse ogni tanto una certa ingenuità. Certo non erano per nul­la politicanti, erano solo fe­deli al­la classica massima di don Bosco: “Dammi le anime, prendi il resto”.

Periodo di riferimento: 1900 – 1922

Loparco Grazia, Le Figlie di Maria Ausiliatrice nella società italiana (1900-1922). Percorsi e problemi di ricerca, Roma, LAS 2000.

Istituzione di riferimento:
Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione “Auxilium”
Pontificia Facoltà di Scienze dell'Educazione

María Esther Posada – Alle origini di una scelta. Don Bosco Fondatore di un Istituto femminile

Mossi dallo Spirito di Dio, i Fondatori di famiglie religiose nella Chiesa si trovano a far fronte a situazioni storiche le più diverse e a volte le più imprevedibili. «Dal punto di vista storico-teologico sono estremamente varie le modalità con cui un Fondatore (o Fondatrice) ha dato origine a un Ordine o a una Congregazione religiosa. Sono pure assai diversi i gradi di coinvolgimento nella vita dell’Istituto da lui fondato».

Continue reading “María Esther Posada – Alle origini di una scelta. Don Bosco Fondatore di un Istituto femminile”

María Esther Posada – Il carisma della direzione spirituale personale in S. Maria Domenica Mazzarello

Una prima formulazione del presente argomento delimitava la direzione spirituale di S. M. Domenica Mazzarello all’ambito delle Figlie di Maria Ausiliatrice: « Il carisma di Maria Mazzarello nella direzione spirituale delle Figie di Maria Ausiliatrice ».

L’attuale formulazione estende l’ambito di tale direzione a tutto l ’arco cronologico in cui M. D. Mazzarello svolge una particolare azione educativa orientata ad aiutare diverse categorie di persone nella loro crescita umana e cristiane, il quale precede il periodo della sua vita religiosa.

Continue reading “María Esther Posada – Il carisma della direzione spirituale personale in S. Maria Domenica Mazzarello”

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑