Luigi Ricceri – «Lavoro e temperanza» contro l’imborghesimento

Indice:

  • Il sogno di Don Bosco
  • Interrogativi per gli anni Settanta
  • Lavoro e temperanza, binomio inscindibile
  • Il lavoro, una pedagogia e una spiritualità
    • Una missione compiuta in letizia
    • Quando il lavoro si sostituisce alla preghiera
  • L’insegnamento del CGS
  • Invito a un leale confronto
    • Il campo della lotta
    • I richiami pratici dei Regolamenti
  • Il tempo, un tesoro da trafficare
    • Quel servizio salesiano chiamato assistenza
    • Tanti modi per perdere tempo
  • Lo scopo del nostro lavoro: evangelizzare
    • Il tempo libero non sia tempo perso
    • Conclusione.

Periodo di riferimento: 1974 – 1974

L. Ricceri, «lavoro e temperanza» contro l’imborghesimento, in «Atti del Capitolo Superiore» 55 (1974) 276, 3-47

Marinella Castagno – Parole che giungono al cuore con il sapore di Mornese. Circolari di madre Marinella Castagno 1984-1996

Il volume raccoglie tutte le lettere circolari di madre Marinella Castagno (1984-1996).

In genere nelle circolari madre Marinella offre notizie dell’Istituto, resoconti dei suoi viaggi, informazioni su eventi ecclesiali, brevi presentazioni di documenti del Magistero o della Strenna del Rettor Maggiore, orientamenti e riflessioni per la celebrazione dei centenari che hanno scandito il periodo del suo servizio di animazione e di governo: il 150° della nascita di madre Mazzarello (1987) e il centenario della morte di don Bosco (1988). Attraverso le circolari vengono enucleate, volta per volta, tematiche significative della spiritualità salesiana. Fin dall’inizio del suo servizio, madre Marinella si è proposta di accompagnare il cammino delle sorelle e delle comunità nell’approfondire le Costituzioni e il carisma dei nostri Fondatori.

Continue reading “Marinella Castagno – Parole che giungono al cuore con il sapore di Mornese. Circolari di madre Marinella Castagno 1984-1996”

Caterina Daghero – Lettere circolari (1920-1924)

 

 

 

Il file contiene la II parte delle Lettere circolari di madre Caterina Daghero, che corrisponde agli anni 1920-1924.

Le lettere circolari mensili, hanno la caratteristica di riportare il pensiero della madre Generale (Caterina Daghero), della consigliera scolastica (Marina Coppa), di Eulalia Bosco, dell’economa generale e di essere firmata dalla vicaria generale (Enrichetta Sorbone), a cui la Superiora generale  affida l’incarico di trasmettere il proprio pensiero.

Periodo di riferimento: 1920 – 1924

Caterina Daghero, Lettere circolari (1920-1924), dattiloscritto

Pietro Ricaldone – L’angelico Domenico Savio indica a Don Bosco le condizioni per il meraviglioso sviluppo della nostra Società – Insistenze di S. Giovanni Bosco sulla bella virtù – A proposito di «spiritualità di Don Bosco»

Don Ricaldone riporta le condizioni di Domenico Savio riguardo l’avvenire della Congregazione. 

Leggendo la Vita di S. Giovanni Bosco e le Memorie Biografiche si resta colpiti dell’insistenza con cui il Padre ritorna sulla necessità e sulla pratica della virtù.

Per spiritualità s’intende il modo o il metodo per elevare un’anima fino alla perfezione cristiana, allora, per ciò che riguarda la spiritualità di S. Giovanni Bosco, la risposta l’avrebbe data in anticipo Don Bosco stesso.

Tornando ora al messaggio di purezza offertoci dal novello Beato, il Santo Fondatore, come risulta dalle Memorie Biografiche, di nessun’altra virtù ha parlato tanto e con così calda insistenza quanto della purezza sotto le diverse denominazioni di purità, bella virtù, castità, virtù angelica, moralità, riservatezza, ecc. Continue reading “Pietro Ricaldone – L’angelico Domenico Savio indica a Don Bosco le condizioni per il meraviglioso sviluppo della nostra Società – Insistenze di S. Giovanni Bosco sulla bella virtù – A proposito di «spiritualità di Don Bosco»”

Pietro Ricaldone – Il Rendiconto



“Fra tutte le Circolari che ebbi la gioia di scrivere dal giorno che mi fu addossata la croce del Rettorato, penso che questa sia delle più importanti per mantenere in fiore lo spirito e le
opere della nostra amata Società. Intendo parlarvi del Rendiconto. Nell’accingermi a trattare un così vitale argomento pregai il Signore di volere, per intercessione di Maria Ausiliatrice e di
S. Giovanni Bosco, illuminare la mia mente: ed ora Lo supplico di disporre i vostri cuori ad accogliere le mie povere parole in modo da tradurle in consolanti frutti di perfezione religiosa
e di apostolato salesiano. La trattazione, stando a quanto dicono le Costituzioni a riguardo del nostro tema, avrà due parti. Invero, fin dal Noviziato ci si fa notare chiaramente che, mentre all’articolo 48°, le Costituzioni obbligano a render conto circa determinati punti di vita esteriore, all’articolo 47° dichiarano esser conveniente che ciascheduno, benché non vi sia tenuto, esponga schiettamente al Superiore quanto riguarda il profitto nelle virtù, i dubbi e le ansietà di coscienza. Vi è adunque un Rendiconto d’obbligo, a cui nessun Salesiano può sottrarsi, in quanto membro di una Società approvata e dipendente dalla Chiesa; e vi è una manifestazione di consiglio, che il Salesiano può liberamente fare, quale membro di una Società che ha per fine primario la perfezione dei soci. Tratteremo prima del Rendiconto della propria vita esteriore,
allo scopo di facilitare a tutti i confratelli una pratica voluta dalla Regola. Faremo quindi alcune considerazioni sulla manifestazione di cose riguardanti la propria vita interiore.” Continue reading “Pietro Ricaldone – Il Rendiconto”

Johannes Wielgoß – Die heiligsprechung don Boscos folgenreich für deutsche salesianer unter dem nationalsozialismus



Nel momento della canonizzazione di don Bosco (1934) la chiesa cattolica in Germania, oramai da oltre un anno, era esposta alla crescente ostile pressione dello Stato Nazionalsocialista. Le feste organizzate per tale circostanza trovarono in Germania una notevole partecipazione di popolo, specie di giovani.

Continue reading “Johannes Wielgoß – Die heiligsprechung don Boscos folgenreich für deutsche salesianer unter dem nationalsozialismus”

Aldo Giraudo – Linee portanti dell’animazione spirituale della Congregazione Salesiana da parte della Direzione generale tra 1880 e 1921



L’identità e l’interiorità delle prime generazioni salesiane rispecchia la corrente spirituale promossa nei seminari torinesi e la scuola di san Giuseppe Cafasso, ma si caratterizza subito per il marcato riferimento a don Bosco e per l’impronta che la sua forte personalità e il suo insegnamento danno all’idea stessa di vita consacrata e al modo di viverla.

Continue reading “Aldo Giraudo – Linee portanti dell’animazione spirituale della Congregazione Salesiana da parte della Direzione generale tra 1880 e 1921”

Renato Ziggiotti – Ricordi degli Esercizi Spirituali 1952-53. – Giubileo sacerdotale di S. Em. il Card. Benedetto Aloysi Masella. – Consacrazione episcopale di S. E. Mons. Oreste Marengo. – Arrivo di S. E. Mons. Michele Arduino e sua relazione sugli avvenimenti di questi ultimi tempi in Cina. – Riassunzione della causa del Beato Domenico Savio. – Gli alloggi durante il Capitolo Generale. – Invito ai Confratelli per osservazioni e proposte sui temi del Capitolo Generale XVII.



Indice:

  • Ricordi degli Esercizi Spirituali 1952-53.
  • Giubileo sacerdotale di S. Em. il Card. Benedetto Aloysi Masella.
  • Consacrazione episcopale di S. E. Mons. Oreste Marengo.
  • Arrivo di S. E. Mons. Michele Arduino e sua relazione sugli avvenimenti di questi ultimi tempi in Cina.
  • Riassunzione della causa del Beato Domenico Savio.
  • Gli alloggi durante il Capitolo Generale.
  • Invito ai Confratelli per osservazioni e proposte sui temi del Capitolo Generale XVII.

Periodo di riferimento: 1952 – 1952

R. Ziggiotti, Ricordi degli Esercizi Spirituali 1952-53. – Giubileo sacerdotale di S. Em. il Card. Benedetto Aloysi Masella. – Consacrazione episcopale di S. E. Mons. Oreste Marengo. – Arrivo di S. E. Mons. Michele Arduino e sua relazione sugli avvenimenti di questi ultimi tempi in Cina. – Riassunzione della causa del Beato Domenico Savio. – Gli alloggi durante il Capitolo Generale. – Invito ai Confratelli per osservazioni e proposte sui temi del Capitolo Generale XVII., in «Atti del Capitolo Superiore» 32 (1952) 168, 1-8

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑