Morand Wirth – “Insediamenti e iniziative salesiane dopo don Bosco”. Synthèse du volume et propositions d’étude

Spesso si cita la riflessione attribuita a Don Bosco: “Voi compirete l’opera, che io incomincio; io abbozzo, voi stenderete i colori…”. Che cosa fecero i Salesiani, i Salesiani e i loro numerosi cooperatori e amici quando il loro fondatore scomparve? Si sono accontentati di mantenere i lavori lanciati da lui? Sono riusciti a svilupparli, a crearne di nuovi?.

Mentre il precedente congresso del 1989 riguardava la personalità del fondatore e l’attività multiforme in occasione del primo centenario della sua morte, gli organizzatori di questo gruppo avevano la felice idea di continuare le indagini sugli insediamenti e le iniziative salesiane iniziate dopo Don Bosco.

La prima parte dell’articolo inizia con un importante contributo metodologico di P. Wynants, seguito da sette presentazioni (relazioni) di una certa entità (G. Rossi, Y. Le Carres, A. Anjos, M. Verhulst, J. Thekedathu, C. Socol e G. Loparco). La seconda parte contiene dieci articoli generalmente più brevi (S. Wilk, B. Kolar, F. Staelens, R. Alberdi, M. Núñez Muñoz, F. Castellanos-E. Olmos, R. Azzi, S. Salto, M. Gorlato , G. Barzaghi). Alla fine del volume, c’è una nota di J. Metzler sugli archivi vaticani e la loro consultazione. I testi sono pubblicati in lingua originale (italiano, francese, inglese, spagnolo e portoghese), al fine di consentire una più ampia diffusione.

 

Indice:

  1. Un tour du monde
  2. Questions de méthode d’abord
  3. En Italie, après don Bosco
  4. En France et en Belgique
  5. Dans la péninsule ibérique
  6. Dans l’Empire austro-hongrois
  7. L’oeuvre salésienne en Afrique
  8. En Inde et en Chine
  9. En Amérique latine

Conclusions provisoires

Periodo di riferimento: 1888 – 1951

M. Wirth, “Insediamenti e iniziative salesiane dopo don Bosco”. Synthèse du volume et propositions d’étude, in «Ricerche Storiche Salesiane» 16 (1997) 31, 413-427.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑