José Manuel Prellezo – “Le scuole professionali salesiane (1880-1922). Istanze e attuazioni viste da Valdocco”, in “L’educazione salesiana dal 1880 al 1922. Istanze ed attuazioni in diversi contesti Volume I”

La mia ricerca prende le mosse da questa ipotesi di partenza: le informazioni – richieste o spontanee – inviate dalle case particolari e pervenute alla Casa Madre della Congregazione durante il periodo considerato (1880-1922) offrivano – e offrono ancora – elementi non trascurabili per delineare una panoramica complessiva delle opere salesiane professionali nel periodo studiato.

Anzi, il quadro d’insieme visto da Valdocco (cioè dai membri del Capitolo Superiore, dai collaboratori, dai visitatori straordinari, dagli ispettori riuniti a Torino, dalle giurie delle esposizioni professionali generali, dai confratelli che scrivevano alla Casa Madre)  costituisce un punto essenziale di riferimento da tenere presente anche nella ricostruzione della storia delle singole «scuole professionali» salesiane.

La considerazione di tale quadro risulta, d’altra parte, indispensabile per individuare e comprendere determinati orientamenti o decisioni prese a Torino.

 

Indice:

1. Linee organizzative della «sezione artigiani» di Valdocco: esigenze delle arti e della scuola (1880-1882)

2. La formazione della «parte operaia» nelle case salesiane (1883-1897)

3. Realizzazione e attuazione di un «programma scolastico» per le «scuole professionali salesiane» (1898-1907)

  1. Istanze ed esperienze educative nelle relazioni della «visita straordinaria» di don Paolo Albera in America Latina
  2. Preparazione e faticosa attuazione del «programma scolastico» comune

4. Laboratori e scuole professionali nelle relazioni della «visita generale a tutte le case salesiane» (1908-1910)

  1. Laboratori o scuole professionali? Al di là di una questione di nomi
  2. Pratica del sistema educativo salesiano: tra reale e ideale

5. Realizzazioni e prospettive nelle «esposizioni generali» delle scuole professionali salesiane (1901-1912)

6. Progressivo sviluppo delle scuole professionali nelle «mutate condizioni dei tempi» (1913-1922)

  1. Iniziative per «un nuovo impulso» nelle «difficili circostanze» segnate dalla guerra
  2. La formazione del personale: «Laboratori specializzati» e «Corsi superiori»
  3. Tradizione e innovazione: «le vere caratteristiche» delle scuole professionali salesiane

7. Considerazioni conclusive

Periodo di riferimento: 1880 – 1922

J. M. Prellezo, Le scuole professionali salesiane (1880-1922). Istanze e attuazioni viste da Valdocco, in L’educazione salesiana dal 1880 al 1922. Istanze ed attuazioni in diversi contesti Volume I, Jesús Graciliano González et al. (Edd.), LAS, Roma, 2007.

Istituzione di riferimento:
ACSSA
ACSSA

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑