Eugenio Valentini – “La congregazione salesiana custode e assertrice del sistema preventivo nella pedagogia e nella pastorale della Chiesa d’oggi” in “La missione dei salesiani nella chiesa. Contributi”

L’estratto discute l’importanza del “sistema preventivo” nell’identità e nella missione dei salesiani.

Questo sistema viene definito come uno spirito più che una lettera, il cui contenuto è difficile da catalogare. L’estratto fa riferimento agli sforzi di Don Bosco nel tentativo di sintetizzare questo sistema in poche pagine e alle sfide che ha affrontato nel farlo. Don Bosco aveva il desiderio che il sistema fosse praticato nelle case salesiane, sottolineando i benefici per la salute spirituale e la gloria di Dio. Questa visione è enfatizzata attraverso il riferimento al “sogno del 10 maggio 1884” e alla lettera di Don Bosco a Don Costamagna del 10 agosto 1885, che è considerata come un testamento pedagogico del fondatore. Il “sistema preventivo” si basa su principi di dolcezza, carità, pazienza e l’uso di castighi negativi, evitando castighi penali o parole umilianti. L’estratto sottolinea l’importanza di questi principi nella pratica educativa salesiana e nella fisionomia della congregazione.

 

 

Periodo di riferimento: 1901 – 1969

E. Valentini, “La congregazione salesiana custode e assertrice del sistema preventivo nella pedagogia e nella pastorale della Chiesa d’oggi” in “La missione dei salesiani nella chiesa. Contributi”, Benediktbeuern (Germania) 9-11 SETTEMBRE 1969, ELLE DI CI, Leumann (TO) 1970, (Collana Colloqui sulla vita salesiana 2), 87-105.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑