Pascual Chavez Villanueva – «E si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise a insegnare loro molte cose» (Mc 6,34) La pastorale giovanile salesiana

Indice:

  • IL CAMMINO DELLA CONGREGAZIONE NELLO SVILUPPO DELLA PASTORALE GIOVANILE SALESIANA DOPO IL CONCILIO VATICANO II.
    • Un lungo percorso.
    • I primi passi: dal CG19 (1965) al CG21 (1978).
    • Lo sviluppo delle linee del CG21 promosso dal Diicastero (19781990).
    • I Capitoli Generali 23 (1990) e 24 (1996).
    • I grandi traguardi di questo cammino.
    • Una percezione sempre più approfondita della nuova situazione dei giovani.

    • Uno sforzo di riformulazione dei contenuti e delle modalità educative e pastorali tradizionali.
    • Allargamento del campo di azione in risposta alla nuova situazione.
    • Rinnovamento delle strutture di animazione e governo nella Congregazione e nelle Ispettorie.
    • Il punto focale di attenzione: la qualità dell’azione educativa pastorale.
  • LA SITUAZIONE ATTUALE.
    • Conoscenza e assimilazione del modello di pastorale.
    • Un rapporto più sistematico del Dicastero con le équipes dei Delegati ispettoriali per la PG.
    • Alcuni aspetti del rinnovamento pastorale.
  • I DIVERSI SETTORI DELLA PASTORALE GIOVANILE SALESIANA.
    • Gli Oratori e i Centri Giovanili.
    • La Parrocchia affidata ai Salesiani.
    • La Scuola e il mondo della educazione formale.
    • La Formazione professionale e la preparazione per il lavoro.
    • II mondo dell’Università: Il cammino realizzato dalle IUS e altre forme di presenza nel mondo universitario.
    • L’attenzione al mondo dell’emarginazione giovanile.
    • Altre presenze e forme leggere di servizio ai giovani.
  • PROSPETTIVE DI FUTURO PER LA PASTORALE GIOVANILE SALESIANA.
    • Continuare lo sforzo di assimilazione e di pratica del modello della Pastorale Giovanile Salesiana.
    • Una pastorale evangelizzatrice chiaramente orientata all’annuncio di Cristo e all’educazione dei giovani alla fede.
    • Approfondire e rafforzare la dimensione vocazionale in ogni proposta pastorale.
    • Una speciale attenzione ai giovani più poveri e a rischio come caratteristica di ogni presenza e opera salesiana.
    • Ridefinire le nostre presenze per renderle più significative, cioè, “nuove presenze”.
    • Un’animazione pastorale sempre più collegata e coordinata tra diversi Dicasteri, in particolare i dicasteri della Missione salesiana: pastorale giovanile, comunicazione sociale e missioni.
  • CONCLUSIONE.

Periodo di riferimento: 2009

P. Chavez, «e si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise a insegnare loro molte cose» (Mc 6,34) La pastorale giovanile salesiana, in «Atti del Consiglio Generale» 91 (2010) 407, 3-59.

Istituzione di riferimento:
Direzione Generale SDB
Direzione Generale SDB

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑