M. Delabroye – “La vocazione” in “Per una presenza viva dei religiosi nella Chiesa e nel mondo”

L’articolo analizza l’insegnamento del Concilio Vaticano II sulla vocazione, con particolare attenzione alla continuità tra la vocazione battesimale e le vocazioni particolari, come il sacerdozio e la vita religiosa.

Il testo esamina il documento Perfectae Caritatis, evidenziando l’importanza della consacrazione battesimale come radice delle vocazioni specifiche. Il concetto di leggere i “segni quotidiani di Dio” nella vita di ogni cristiano emerge come elemento chiave nella comprensione della propria vocazione. L’articolo sottolinea la necessità di considerare la vocazione come un dinamismo che si sviluppa nel corso della vita e mostra come il Vaticano II abbia ristabilito il primato della vocazione battesimale. Inoltre, vengono esaminati riferimenti biblici, come l’episodio del giovane ricco e la chiamata di Pietro, per illustrare come la vocazione si intrecci con la vita quotidiana. Concludendo, si suggerisce che comprendere appieno la vocazione sacerdotale o religiosa richiede una riflessione sulla vocazione battesimale, promuovendo un’analisi più accessibile e meno esclusivamente predestinazionista delle vocazioni particolari.

Periodo di riferimento: 1965 – 1970

M. Delabroye, “La vocazione“, in “Per una presenza viva dei religiosi nella Chiesa e nel mondo“, a cura di Agostino Favale, ELLE DI CI, Leumann (TO) 1970, 145-181.

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑