Maria Franca Mellano – Torino 1862 la svolta post-fransoniana nelle aspettative di alcuni ecclesiastici in Piemonte. Note in margine ad una recente edizione dell’epistolario fransoniano



Torino nel 1862 era da poco la capitale del nuovo regno d’Italia, in attesa però di trasmettere a Roma quel titolo con le relative incombenze; dunque una città sulla quale si addensava una notevole valanga di problemi a vari livelli. In generale si potrebbe dire che essa era alla ricerca di una nuova identità, tenuto conto che quella acquisita un anno prima era votata a  annullarsi in tempi che si presumevano brevi, e quella originaria, di capitale dello Stato sabaudo, era irrimediabilmente caduta per la scelta risorgimentale che il Piemonte aveva fatto. Si tratta – a pensarci bene – di un dramma profondo, destinato a scuoterla fin nei recessi più nascosti.

Periodo di riferimento: 1862 – 1862

M. F. Mellano, Torino 1862 la svolta post-fransoniana nelle aspettative di alcuni ecclesiastici in Piemonte. Note in margine ad una recente edizione dell’epistolario fransoniano, in «Ricerche Storiche Salesiane» 14 (1995) 27, 393-403.

Pietro Ricaldone – Esortazione pel Mese di Maria Ausiliatrice – Notizie consolanti – Notizie dolorose – Prossimi Esercizi Spirituali e Ricordi pei medesimi



Si avvicina il mese consacrato alla Madre amantissima Maria Ausiliatrice e, come negli anni scorsi, esorta a moltiplicare preghiere e suppliche ai piedi dei suoi altari per ottenere, mediante la sua intercessione, l’avvento tanto sospirato della pace.

Notizie consolanti:
Mons. Guglielmo Piani comunica che potè, malgrado tutto, continuare la sua importante missione. Mons. Mathias parla dei Salesiani usciti dai campi di concentramento, del progresso delle opere esistenti e dell’inizio di altre nuove. Mons. Ferrando, Mons. La, Ravoire, Mons. Lucato, Mons. Comin, rassicurano del buon andamento delle loro Missioni: e altrettanto consta di quelle del Brasile, del Venezuela, della Terra del Fuoco, del Congo, della Cina, del Giappone, dell’Australia. Confortanti anche le notizie dell’Egitto, della Palestina e in generale delle differenti regioni dell’Africa. Don Reyneri, Don Bertola, Don Tozzi parlano del gran bene che si fa nelle Ispettorie loro affidate, con mandato straordinario, dal Rettor Maggiore.

Notizie dolorose: nel Brasile ci sono state due dolorosissime perdite: Monsignor Vincenzo Priante, Vescovo di Corumbà, e Mons. Enrico Morão, Vescovo di Cafelandia. Inattesa, e perciò ancor più dolorosa, fu la scomparsa del compianto Don Eusebio Vismara. Il lavoro da lui compiuto con impareggiabile assiduità, serenità, competenza e sodezza nello Studentato Teologico Internazionale prima, e nel Pontificio Ateneo Salesiano da quando sorse, è a tutti noto. Notizia particolarmente dolorosa fu quella della morte di D. Agostino Desirello, perito tragicamente sotto le macerie della Chiesa e della Casa di Forlì ove le opere nostre erano tanto promettenti. Anche la Chiesa e la Casa di Trieste furono duramente provate, ma, grazie a Dio, come in altre case danneggiate dell’Ispettoria Veneta, non si ebbero a lamentare vittime. Dove invece l’espiazione della famiglia Salesiana ebbe il carattere più cruento fu nella Casa Ispettoriale delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Alessandria (Piemonte). Il giorno 5 aprile, in seguito a una tremenda incursione, perirono tragicamente quattro suore, tre novizie , tre pensionanti, ventidue tra educande e bambini. Continue reading “Pietro Ricaldone – Esortazione pel Mese di Maria Ausiliatrice – Notizie consolanti – Notizie dolorose – Prossimi Esercizi Spirituali e Ricordi pei medesimi”

Piera Ruffinatto,Wioletta Malinowska – La famiglia in alcune biografie scritte da don Bosco



Nell’articolo si prendono in esame alcune fonti di carattere biografico scritte da San Giovanni Bosco. In esse, attraverso il racconto aneddotico, l’Autore offre modelli di comportamento virtuoso da parte di giovani e di genitori. Dallo studio emerge il quadro di una famiglia, nella quale i genitori sono visti come primi responsabili dell’educazione dei figli nel processo della loro maturazione integrale. Per questo la realtà educativa familiare viene scelta dal santo educatore come paradigma di riferimento per le sue istituzioni educative.

Continue reading “Piera Ruffinatto,Wioletta Malinowska – La famiglia in alcune biografie scritte da don Bosco”

Piera Ruffinatto – L’esperienza educativa di san Giovanni Bosco e santa Maria Domenica Mazzarello. Rilettura alla luce della «cultura dell’incontro» di Papa Francesco



Nell’articolo si mette in dialogo la prospettiva di Papa Francesco, che concepisce l’incontro come realtà di profondo spessore antropologico e teologico, con l’esperienza spirituale e educativa di san Giovanni Bosco e santa Maria Domenica Mazzarello. Gli spunti che ne emergono, oltre a rilevare come le due prospettive si arricchiscano reciprocamente, apro-no la strada ad ulteriori riflessioni sul significato pedagogico dell’incontro come luogo privilegiato di educazione e di efficace attuazione del metodo preventivo. Continue reading “Piera Ruffinatto – L’esperienza educativa di san Giovanni Bosco e santa Maria Domenica Mazzarello. Rilettura alla luce della «cultura dell’incontro» di Papa Francesco”

Grazia Loparco – Maria Mazzarello tra le Fondatrici dell’Ottocento



La nota inquadra la figura di madre Maria D. Mazzarello tra le fondatrici dell’800. È un secolo ricco di fondazioni religiose femminili dedite alla vita attiva, nell’Europa interessata al processo di secolarizzazione. La Chiesa riconosce gradualmente le novità istituzionali veicolate da donne intraprendenti, mosse da una multiforme carità apostolica.

Periodo di riferimento: 1837 – 1881

Grazia Loparco, Maria Mazzarello tra le Fondatrici dell’Ottocento, in Rivista di Scienze dell’Educazione 50 (2002) 2, 343-349.

Maria Luisa Mazzarello,Piera Cavaglià – L’educazione religiosa nella prassi educativa di Maria Domenica Mazzarello



Sullo sfondo del contesto storico e degli influssi formativi ricevuti da Santa Maria Domenica Mazzarello (1837-1881), le Autrici delineano la peculiarità del contributo da lei dato all’educazione religiosa delle giovani. Donna aperta a Dio e ricca di saggezza pedagogica, inserisce la catechesi in un ampio progetto educativo, in quanto cammino di maturazione umano e cristiano. Tale progetto è fondato su un esplicito annuncio di Dio da conoscere, amare, incontrare in Cristo; è aperto all’interazione con le famiglie nella comunità ecclesiale; è caratterizzato da uno stile comunicativo familiare, coinvolgente e gioioso tipico di educatrici competenti e testimoni credibili di una Presenza.  Continue reading “Maria Luisa Mazzarello,Piera Cavaglià – L’educazione religiosa nella prassi educativa di Maria Domenica Mazzarello”

Giovanni Bosco – Regolamenti dei primi collegi fondati fuori Torino



“Uno e non ultimo studio di D. Bosco in quest’anno – scrive G. B. Lemoyne riferendosi all’anno 1863 – era stata la fondazione del Collegio di Mirabello. Ne aveva scritto il regolamento, mettendo per base quello dell’Oratorio, specificando tutti i doveri dei singoli superiori e degli alunni, mutando ciò che non era adattato alla natura dell’Istituto”. Questo “regolamento – che rimase per vari anni manoscritto, sempre secondo la testimonianza di Lemoyne – doveva essere come lo statuto fondamentale, anche di tutte le altre case che col tempo sarebbonsi aperte. Esigeva che se ne facesse gran conto”. Continue reading “Giovanni Bosco – Regolamenti dei primi collegi fondati fuori Torino”

Giovanni Bosco – La forza della buona educazione



Il “ documento che propriamente inaugura la rappresentazione di esperienze vive di Don Bosco educatore è La forza della buona educazione. Vi si trova in scena il direttore dell’Oratorio di San Francesco di Sales come catechista, consigliere e confidente del giovane Pietro”, anche se questi “vi appare nella penombra e senza una netta fisionomia”. Continue reading “Giovanni Bosco – La forza della buona educazione”

Wim Collin – Spiritualità del dono nel venerabile Andrea Beltrami

All’interno della giornata di studio “Dono di sé: approccio teologico, spirituale e pedagogico”, Wim Collin esplicita il vissuto spirituale del venerabile Andrea Beltrami nella logica del dono.

La giornata di studio è stata organizzata nella collaborazione del Centro Studi Don Bosco e del Centro Studi sulle Figlie di Maria Ausiliatrice e si è svolta il 21 marzo 2019 all’Università Pontificia Salesiana.

Continue reading “Wim Collin – Spiritualità del dono nel venerabile Andrea Beltrami”

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑