Michele Rua – Studi – Vocazioni.

Nei masi scorsi il Rettor Maggiore ha visitato varie case e si è trattenuto anche con molti Confratelli e Cooperatori che ancora non lo conoscevano. Attraversò tutta la Francia,
per recarsi a visitare le varie case delle Isole Britanniche, passò per le case del Portogallo, ed in gran parte di quelle della Spagna e quindi, tornato a Torino, dopo breve fermata riprese il viaggio per le case dell’Italia Meridionale, della Sicilia, della Calabria e delle Puglie. Dappertutto ha notato la benedizione del Signore, ha visto l’entusiasmo di migliaia di Benefattori, ed ha visto il buono spirito che c ’è fra i Confratelli, ha visto che si lavora molto e che regna la carità, la quale è, come dice S. Paolo, vinculum perfectionis.

Periodo di riferimento: 1906

M. Rua, Studi – Vocazioni, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 538-545

Michele Rua – Vocazioni – Militari – Oratorii fastivi.

Oltre i tre grandi Noviziati dell’alta Italia, se ne dovette fondare un altro in Sicilia. Vi sono Noviziati in Francia, in Ispagna, in Inghilterra e nelle varie Ispettorie dell’America, e quasi tutte queste Case sono ripiene di giovani ascritti animati da buona volontà e da ardente desiderio di diventare veri figli di Don Bosco. Assai edificante è il modo con cui alcuni superarono le gravi difficoltà che attraversavano il loro santo disegno. La madre di un ascritto, dopo aver esaurito inutilmente ogni mezzo per fare smettere a suo figlio l’idea di rendersi Salesiano, lo riconduceva ella medesima al Direttore e lagrimando gli diceva: “Sono desolata di vedere mio figlio fisso nell’idea di abbandonarmi, pure dovetti convincermi mentre lo riteneva presso di me che qui solamente egli si trova bene; opponendomi più oltre lo renderei infelice. Segua egli adunque la sua vocazione, Dio provvederà a me, che sarò priva così dell’unico mio figlio”. La pietà che si ammira ne’ novizi, l’esatta osservanza della regola, lo spirito di sacrifizio a cui si studia di abituarli, fanno sperare che vocazioni così promettenti giungeranno a maturità.

Periodo di riferimento: 1894

M. Rua, Vocazioni – Militari – Oratorii fastivi, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 466-475

Pietro Ricaldone – Considerazioni sul primo Centenario della Casa-Madre – Avvertenze – Strenna per l’anno 1946

Nell’anno centenario della fondazione del primo Oratorio è bene mettere nella miglior luce il grande dono che la Vergine Immacolata fece alla gioventù guidando il suo fedele servo Don Bosco a questa terra benedetta, destinata ad essere centro e foco d’irradiazione delle Opere salesiane a salvezza delle anime.

Don Bosco portò a casa Pinardi il suo spirito: spirito multiforme e composto di preziosissimi
elementi, dei quali si invita a considerarne per ora due: la sua luce di purezza e la sua eroica  povertà. Continue reading “Pietro Ricaldone – Considerazioni sul primo Centenario della Casa-Madre – Avvertenze – Strenna per l’anno 1946”

Francis Desramaut – I Salesiani Francesi al tempo del silenzio (1901-1925)

Tra il 1902 e il 1927, i cataloghi generali della società di san Francesco di Sales
ignorano le presenze salesiane su tutto il territorio francese. Secondo la legge,
la congregazione salesiana non esiste più in Francia. Ufficialmente, non ci sono
più religiosi salesiani nel paese. Continue reading “Francis Desramaut – I Salesiani Francesi al tempo del silenzio (1901-1925)”

Jan Piskurewicz – Le ideologie, l’educazione e l’istruzione scolastica nell’Europa della prima metà del XX secolo

Nel periodo che precedette la prima guerra mondiale l’Europa fu attraversata da una grande ondata di liberalismo pedagogico. Essa fu ispirata dai progressi della psicologia che stavano dimostrando tutta la dannosità dei principi educativi fino ad allora seguiti e rivendicando un maggiore rispetto per la personalità dell’educando.

Continue reading “Jan Piskurewicz – Le ideologie, l’educazione e l’istruzione scolastica nell’Europa della prima metà del XX secolo”

Michele Rua – Prima udienza avuta dal S. Padre dopo la morte di D. Bosco.

Nella prima udienza il papa Leone XIII, il giorno 21 di Febbraio dell’anno 1888, ha detto a don Rua: Don Rua, voi siete il successore di Don Bosco: mi condolgo con voi per la perdita che avete fatta, ma mi rallegro perchè Bosco era un Santo e dal Cielo non mancherà di assistervi. Continue reading “Michele Rua – Prima udienza avuta dal S. Padre dopo la morte di D. Bosco.”

Pietro Ricaldone – L’auspicata beatificazione di Domenico Savio – Visitatori straordinari – Strenna pel 1950 – Iniziative per il Giubileo Sacerdotale del Santo Padre e per l’Anno Santo.

Don Ricaldone comunica che le pratiche per la beatificazione del Servo di Dio Domenico Savio volgono al termine: anzi, potrebbe anche darsi che l’auspicata beatificazione avvenisse prima della Pasqua del prossimo anno 1950.

Durante quest’anno 1949 si sono effettuate da parte dei Superiori parecchie visite importanti: Don Berruti e Don Giraudi si recarono in Brasile, Buenos Aires, Cile, Spagna e Portogallo. Don Ziggiotti e Don Candela, si recheranno con lo stesso scopo in Francia. Don Bellido e Don Fedrigotti visitano nell’Estremo Oriente, il primo le Case della Cina, del Giappone e del Siam, il secondo quelle dell’India. Don Serie si recherà a visitare le Ispettorie del Venezuela e della Colombia. Continue reading “Pietro Ricaldone – L’auspicata beatificazione di Domenico Savio – Visitatori straordinari – Strenna pel 1950 – Iniziative per il Giubileo Sacerdotale del Santo Padre e per l’Anno Santo.”

Martha Seide – Martha Sèïde, Don Bosco, guida spirituale nella corrispondenza con Claire Louvet

In questo studio si presenta il profilo di Don Bosco come guida spirituale, attraverso le lettere che scrisse alla cooperatrice salesiana francese Claire Louvet (1832 -1913). Di questa corrispondenza non disponiamo ancora dell’edizione critica e neppure di studi specifici, tranne il contributo di John Itzaina pubblicato nel 1990, in cui l’autore costata alcuni tratti che rivelano Don Bosco come guida nella vita spirituale, tuttavia quest’aspetto è ancora praticamente tutto da esplorare. Nel presente contributo si mettono a fuoco le caratteristiche della paternità spirituale di Don Bosco nell’accompagnamento spirituale di questa grande cooperatrice francese che godeva della stima e riconoscenza della Congregazione. Nella prima parte si mostrano alcuni cenni biografici di Claire Louvet, nella seconda si presentano alcune linee ermeneutiche dell’epistolario per farne emergere possibili percorsi di direzione/guida spirituale. Al termine dello studio, l’autrice segnala alcune questioni aperte che potrebbero costituire ulteriori prospettive di ricerca per approfondire questa dimensione del santo piemontese.

Periodo di riferimento: 1882 – 1887

Martha Sèïde, Don Bosco, guida spirituale nella corrispondenza con Claire Louvet, in Istituto Storico Salesiano – Centro Studi Figlie di Maria Ausiliatrice. Aldo Giraudo et alii (eds.), Sviluppo del carisma di Don Bosco fino alla metà del secolo XX. Comunicazioni. Atti del Congresso Internazionale di Storia Salesiana (Nel Bicentenario della nascita di Don Bosco), Roma 19-23 novembre 2014, Roma, LAS 2016, pp. 475 – 489.

Istituzione di riferimento:
Istituto Storico Salesiano
Istituto Storico Salesiano

Centro Studi Figlie di Maria Ausiliatrice
Centro Studi Figlie di Maria Ausiliatrice

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑