Michael Ribotta – The Roman Letter of 1884 and its aftermath

In retrospect, one can appreciate why Don Bosco had become so distraught by the message that was played out in his dream (reverie?) during his Roman sojourn of 1884. His old friends, Joseph Buzzelli and Ferdinando Valfre, had demonstrated all too realistically what he could expect when the educational principles of his Sistema Preventivo and the “love environment” he strove so hard to cultivate for 40 years at the Oratory had been allowed to dissipate.

Continue reading “Michael Ribotta – The Roman Letter of 1884 and its aftermath”

Carlo Loots,Colette Schaumont – La formazione dei collaboratori laici.

La fondazione della Società Salesiana risale al 18 dicembre dell’anno 1859: “Allo scopo e nell’intento di promuovere e conservare lo spirito di vera carità che richiedesi nell’opera degli Oratorii per la gioventù abbandonata e pericolante” i membri si associano “avendo di mira il vicendevole aiuto per la santificazione propria, si propongono di promuovere la gloria di Dio e la salute delle anime, specialmente delle più bisognose d’istruzione e di educazione” Il fondamento e la finalità della collaborazione tra salesiani e laici è la cura (dell’anima) del giovane.

Continue reading “Carlo Loots,Colette Schaumont – La formazione dei collaboratori laici.”

Mara Borsi – Il sistema preventivo, “Sistema Aperto” Per dare ai giovani “vita in abbondanza”

L’attenzione ad attualizzare continuamente il sistema preventivo mettendolo in dialogo con i mutamenti socioculturali e con le esigenze educative dei giovani dei diversi contesti è un compito prioritario per l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA).

Continue reading “Mara Borsi – Il sistema preventivo, “Sistema Aperto” Per dare ai giovani “vita in abbondanza””

Michele Rua – Lo spirito di D. Bosco – Vocazioni.

Il Rettor Maggiore parla delle feste giubilali, di cui si avranno notizie per mezzo del Bollettino, ma nonostante il continuo lavoro di diversi giorni, si sente il bisogno di trattenersi per pochi istanti con i suoi figliuoli, e comunicargli alcuni pensieri e riflessi che la stessa dimora in Roma gli suggerisce. Essi prendono la forma di una Lettera Edificante, che sarà un piccolo ricordo del soggiorno in Roma del Rettor Maggiore durante l’anno delle feste giubilali celebrate per render grazie a Dio dei favori che si degnò a concedere. 

Periodo di riferimento: 1905

M. Rua, Lo spirito di D. Bosco – Vocazioni, Direzione generale delle opere salesiane, Torino 1965, 522-538

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑