Carlo Nanni – Don Bosco, i salesiani, l’Italia in 150 anni di storia

  • L’ oratorio di Don Bosco 
  • Gli oratori salesiani fra fedeltà e innovazione
  • Le scuole di arti e mestieri: l’origine della Formazione professionale
    • Il contesto culturale dell’opera di Don Bosco tra i giovani apprendisti
    • Prime esperienze a Valdocco: “ragazzi poveri e pericolanti” da avviare a ” qualche arte o mestiere”
    • Dai laboratori artigiani al progetto di “vere e proprie scuole professionali”
  • La scuola e i collegi
    • Le scuole elementari
    • Internati con ginnasi e licei
    • Idee di Don Bosco sulla scuola
    • Alcune proposte della scuola salesiana
  • Don Bosco e la parola stampata
    • Don Bosco e il mondo della comunicazione nell’arco della sua vita
    • L’Oratorio: l’ambiente della comunicazione di Don Bosco e successivamente della comunicazione salesiana
    • Le “Letture Cattoliche” di Don Bosco
    • Don Bosco e i libri di storia
    • Don bosco scrittore agiografico e di religiosità popolare
    • Don bosco fonda il “Bollettino Salesiano”
    • Le tipografie e librerie di Don Bosco
  • Don Bosco, la musica e il teatro
    • La musica
    • Il teatro
  • Don Bosco, i beni culturali ed artistici
    • Maria Ausiliatrice
    • San Giovanni Evangelista
    • Sacro Cuore
      • Tibi dabo claves regni Coelorum”
      • Sant’Antonio Abate
      • Statua di Pio IX
  • Don Bosco e la politica
    • Personaggio scomodo per la storiografia
    • Il suo tempo e la modernità
    • Mens e azione politica
    • Nomina dei vescovi e Exequator
    • La codificazione mancata
    • Un’ intelligente duttilità
  • Il Sistema Preventivo
    • Don Bosco educatore
    • Il Sistema Preventivo
    • Nella fedeltà al Sistema Preventivo
  • La produzione culturale: la SEI
  • L’ Università Pontificia Salesiana
    • La governance generale dell’Università
    • Struttura degli studi presso l’UPS
    • La Facoltà di Teologia (FT)
    • La Facoltà di Scienze dell’educazione (FSE)
    • La Facoltà di Filosofia (FF)
    • La Facoltà di Diritto Canonico (FDC)
    • La Facoltà di Lettere cristiane e classiche (FLCC)
    • La Facoltà di Scienze della Comunicazione Sociale (FSC)
    • Il Dipartimento di Pastorale giovanile e catechetica
  • La scelta degli ultimi
    • Don Bosco e i ragazzi di Porta Palazzo a Torino
    • Ma sai fischiare?
    • Con i ragazzi della Generala a Stupinigi
    • Le frontiere dei salesiani oggi
  • L’attenzione per i “cari italiani” all’estero
    • Anni della grande emigrazione”
    • Tempo di guerra e del primo dopoguerra (1915-1922)
    • Ventennio fascista ( 1922-1940)
    • Seconda metà del secolo XX
    • In sentesi
  • Le Missioni Salesiane: le prime spedizioni
    • L’ideale missionario di Don Bosco
    • Preparativi
    • Le prime spedizioni missionarie ( 1875-1887)
    • In Argentina (1875) e nell’ Uruguay (1876)
    • La Patagonia (1879)
    • La Terra del fuoco (1886)
    • Brasile (1883), Cile ( 1887), Ecuador (1888)
    • Sogni missionari

 

 

 

Periodo di riferimento: 1879 – 1991

C.Nanni, Don Bosco, i Salesiani, l’Italia in 150 anni di storia,in « Cemm »2010.

Istituzione di riferimento:
Centro Studi Don Bosco
Centro Studi Don Bosco

Archivio Salesiano Centrale – Dati statistici

Il seguente operato riporta i dati statistici delle persone, opere, attività salesiane su scala internazionale. In particolare, riporta i dati delle seguenti nazioni : Africa, America, Asia, Europa, Oceania.

Indice

  • 1. La statistica del personale salesiano
  • 2. Andamento complessivo dei Salesiani nel mondo e con riferimento alle Regioni
  • 3. Andamento dei novizi e dei neoprofessi
  • 4. Andamento dei professi temporanei
  • 5. Andamento dei confratelli coadiutori
  • 6. Confratelli defunti
  • 7. I confratelli che hanno lasciato la Congregazione
  • 8. Circa il prospetto delle case e dei confratelli nelle diverse nazioni

Periodo di riferimento: 1990 – 1995

Archivio salesiano, Dati statistici (1996).

Istituzione di riferimento:
Direzione Generale SDB
Direzione Generale SDB

Egidio Viganò – La formazione dei salesiani di Don Bosco

Abstract

Vi presento la seconda edizione di « LA FORMAZIONE DEI SALESIANI DI DON BOSCO. PRINCIPI E NORME». Il Documento espone e sviluppa, da una parte, l’insieme dei
principi e delle norme che regolano la formazione salesiana a livello mondiale (servizio all’unità nell’identità); dall’altra, costituisce la base ed orienta il compito delle comunità ispettoriali cui spetta la responsabilità di attuare la formazione secondo le esigenze del proprio contesto culturale, in conformità con le direttive della Chiesa e della Congregazione (servizio all’unità
nella diversificazione).

 

Indice:

Parte Prima
NATURA. DESTINATARI E COMPOSIZIONE
DEL DOCUMENTO
1. NATURA, DESTINATARI, CONTENUTI DEL DOCUMENTO
E PUNTI DI RIFERIMENTO COSTANTI DELLA SUA COMPOSIZIONE 
1.1 Natura del documento
1.2 I destinatari
1.3 I contenuti
1.4 Punti di riferimento costanti
14.1 Gli orientamenti del magistero
14.2 La coscienza carismatica della Congregazione 
A. Don Bosco
B. I successori di Don Bosco e i Capitoli generali 
14.3 La voce delle culture e dei giovani

A. Le culture
B. La Chiesa, la Congregazione e le culture 
C. La Congregazione e la sua azione formativa
Normativa

Parte Seconda
LA FORMAZIONE DEI SALESIANI IN GENERALE
Aspetti fondamentali della formazione dei Salesiani
2. L’IDENTITÀ VOCAZIONALE SALESIANA, PRINCIPIO E FINE
DELLA FORMAZIONE
2.1 Formazione e identità vocazionale
2.2 L’identità salesiana principio della formazione
22.1 Un progetto di vita fortemente unitario: la «grazia di unità»
22.2 Gli elementi inseparabili della nostra consacrazione 
A. La missione apostolica
B. Una caratteristica forma di vita comunitaria 
C. Uno stile di vita evangelica
22.3 Identità vocazionale e formazione intellettuale 
22.4 L’identità vocazionale e le sue diverse forme: presbiterale, diaconale, laicale
A. Educatori pastori nella forma presbiterale 
B. Educatori pastori nella forma diaconale 
C. Educatori pastori nella forma laicale
2.3 L’identità salesiana fine della formazione
Normativa
3. INDIVIDUAZIONE DEI VALORI E DEGLI ATTEGGIAMENTI.
INDICAZIONI DI ATTIVITÀ
3.1 Valori umani
31.1 Equilibrio fisico: salute e lavoro 
A. Buona salute
B. Lavoro e temperanza
31.2 Maturazione intellettuale 
31.3 Equilibrio e adattamento psichico
A. Capacità di scelte libere
B. Capacità di amore personale 
C. Apertura agli altri
3.2 Valori religiosi salesiani
32.1 Senso di Dio e della sua presenza nella storia
A. Unione con Cristo e sua sequela a causa del Regno 
B. Unione col Padre che ci consacra
C. Docilità allo Spirito, fonte di santificazione
D. Senso di Chiesa
E. Con Maria, Ausiliatrice e Madre della Chiesa.
32.2 La carità pastorale 
A. Il senso pastorale 
B. La capacità pastorale 
32.3 Vivere e lavorare insieme
32.4 La pratica dei consigli evangelici
A. L’obbedienza 
B. La povertà
C. La castità
32.5 In dialogo con il Signore
A. In ascolto della Parola
B. Nella celebrazione dell’Eucaristia 
C. Celebrando nel tempo il mistero di Cristo
D. In continua conversione
E. Una comunità di uomini di preghiera
Normativa 
4. ASSIMILAZIONE DEI VALORI VOCAZIONALI: LINEE DI METODO, OPERATORI, AMBIENTI E CONDIZIONI PER L’ESPERIENZA FORMATIVA
4.1 Linee di metodo
41.1 Formazione: fare esperienza dei valori vocazionali 
41.2 Centralità della persona nell’esperienza formativa 
41.3 Un’esperienza personale accompagnata e guidata
4.2 Gli operatori dell’esperienza formativa
42.1 La persona chiamata 
42.2 Don Bosco fondatore e il Papa, pastore e guida: due
rapporti da privilegiare 
A. Don Bosco fondatore
B. Il Papa, pastore e guida
42.3 I formatori: identità, compiti e strumenti 
A. Identità
B. Compiti 
C. Strumenti: il «colloquio» e la direzione spirituale 
4.3 Gli ambienti e le condizioni 
43.1 La comunità, ambiente naturale dell’esperienza vocazionale 
43.2 La comunità formatrice locale 
43.3 Rapporti e attività sorretti da motivi veri e autentici
43.4 Rapporti e attività vissuti nell’interazione di teoriane prassi
43.5 Una comunità che rende possibile l’esperienza
A. Una comunità che aiuta la consapevolezza dell’esperienza 
B. Una comunità che accoglie la comunicazione 
43.6 La comunità e la persona in dialogo con il Signore, condizione radicale per l’esperienza dei valori vocazionali 5
Normativa
Sezione Seconda
La orinazione intellettuale dei Salesiani
in generale
5. URGENZE E PUNTI STRATEGICI DELLA FORMAZIONE INTELLETTUALE DEI SALESIANI 
5.1 Urgenze
51.1 Importanza della formazione intellettuale 
51.2 Urgenza di direttive salesiane comunità
5.2 Punti strategici della formazione intellettuale dei Salesiani
52.1 Un’indispensabile programmazione unitaria
A. La teologia, una funzione originale 
B. La filosofia e le sue mediazioni
C. Le scienze dell’uomo e dell’educazione: una prospettiva caratterizzante 
D. Tre principi
52.2 Orientamenti di metodo
A. Sintonia con la congiuntura storica 
B. L’interazione di teoria e prassi
C. La continuità della formazione intellettuale 
D. L’organicità della formazione intellettuale 
Normativa
6. I RESPONSABILI E GLI AMBIENTI DELLA FORMAZIONE
INTELLETTUALE
6.1 1 responsabili
61.1 I superiori religiosi 
61.2 I docenti e le autorità accademiche
61.3 Gli studenti
6.2 Gli ambienti
62.1 I centri di studio in genere
A. Identità
B. Servizio
C. Valorizzazione 
D. Impegno
E. Responsabilità
62.2 L’Università Pontificia Salesiana (UPS)
A. Un impegno privilegiato 
B. Affiliazioni, aggregazioni, incorporazioni
C. Le comunità ispettoriali 
Normativa
Parte Terza
LE FASI DEL PROCESSO FORMATIVO
Premessa
7. IL DISCERNIMENTO VOCAZIONALE, ATTEGGIAMENTO
PERMANENTE DELL’INTERO PROCESSO FORMATIVO 
7.1 II discernimento, dimensione fondamentale dell’esperienza formativa 
7.2 II discernimento vocazionale
72.1 Aspetto personale e comunitario
72.2 I responsabili 
72.3 Le condizioni
72.4 I criteri
Normativa
8. LA MATURAZIONE VOCAZIONALE FINO ALLA PROFESSIONE PERPETUA
8.1 La preparazione immediata al noviziato
81.1 Natura………………………………………………………………….187
81.2 Obiettivi ……………………………………………………………….187
81.3 L’esperienza formativa ……………………………………… ….188
81.4 La formazione intellettuale ……………………………………188
81.5 L’ambiente ……………………………………………………………189
81.6 I formatori……………………………………………………….. ….190
8.2 II noviziato…………………………………………………………………..190
82.1 Natura………………………………………………………………….190
82.2 Obiettivi ……………………………………………………………….191
82.3 L’esperienza formativa ……………………………………… ….192
82.4 La formazione intellettuale ……………………………….. ….194
82.5 L’ambiente ………………………………………………………. ….195
A. Un criterio {ondamentale………………………………….195
B. La comunità formativa ……………………………………..195
82.6 II maestro e i formatori ………………………………………..196
82.7 Significato della professione temporanea……………….196
8.3 II periodo della professione temporanea ………………………197
83.1 II postnoviziato ………………………………………………… ….197
A. Natura………………………………………………………… ….198
B. Obiettivi………………………………………………………. ….198
C. Esperienza formativa …………………………………… ….199
a. In generale ……………………………………………….199
b. La formazione del salesiano laico ………………201
D. La formazione intellettuale ………………………….. ….202
E. L’ambiente……………………………………………………….205
F. I formatori………………………………………………………..206
83.2 II tirocinio………………………………………………………… ….207
A. Natura………………………………………………………… ….207
B. Obiettivi………………………………………………………. ….207
C. L’esperienza formativa ………………………………… ….208
D. La formazione intellettuale ………………………….. ….208
E. L’ambiente e i responsabili………………………….. ….209
83.3 La preparazione immediata alla professione perpetua ………………………………………………………………. ….210
A. Natura della professione perpetua ………………. ….210
B. La preparazione immediata alla professione perpetua ……………………………………………………………….212
Normativa…………………………………………………………………….. ….213
9. LA FORMAZIONE SPECIFICA ……………………………………………231
9.1 La formazione specifica del salesiano presbitero……… ….231
91.1 Natura………………………………………………………………….231
91.2 Obiettivi ……………………………………………………………….231
91.3 L’esperienza formativa ………………………………………….232
91.4 La progressione dell’esperienza formativa……………..233
A. I ministeri del lettorato e dell’accolitato……….. ….233
a. Significato………………………………………………….233
b. Esperienza formativa ………………………………….233
B. L’ordine del diaconato ……………………………………..235
a. Significato ………………………………………………….235
b. Esperienza formativa ………………………………….235
91.5 La formazione intellettuale: criteri generali……….. ….240
9.2 La formazione specifica del salesiano diacono permanente ……………………………………………………………………… ….242
9.3 La formazione specifica del salesiano coadiutore ……….244
93.1 Natura………………………………………………………………..244
93.2 Obiettivi ……………………………………………………………..244
93.3 I ministeri del lettorato e accolitato ………………… ….245
93.4 La formazione intellettuale ……………………………… ….245
Normativa………………………………………………………………………. 246
10. LE SPECIALIZZAZIONI………………………………………………… ….253
10.1 Natura e criteri di programmazione……………………… ….253
101.1 Natura………………………………………………………… ….253
101.2 Criterio fondamentale………………………………….. ….253
101.3 La programmazione ispettoriale………………………..254
10.2 Le a re e ……………………………………………………………….. ….254
Normativa………………………………………………………………………..255
11. LA FORMAZIONE PERMANENTE ……………………………………..256
11.1 Concetto e motivi di urgenza……………………………………257
111.1 Concetto ………………………………………………………….257
111.2 Motivi di urgenza …………………………………………… 258
11.2 Obiettivi e contenuti……………………………………………….. 258
11.3 II soggetto della formazione permanente e l’attenzione
ad alcune circostanze……………………………………………. …259
113.1 La persona del salesiano ……………………………. …259
113.2 Le circostanze…………………………………………………259
11.4 L’esperienza formativa …………………………………………. …261
114.1 Criteri di organizzazione ……………………………… …261
114.2 II m etodo………………………………………………………..262
114.3 Linee di azione …………………………………………… …263
A. A livello loca le…………………………………………..263
B. A livello ispettoriale ……………………………………264
114.4 Formazione intellettuale…………………………………..265
11.5 I responsabili ai vari liv e lli………………………………….. …266
115.1 Particolari responsabilità……………………………… …266
115.2 A raggio più am pio…………………………………….. …267
Normativa……………………………………………………………………….268
ALLEGATI …………………………………………………………………………….271
1. Linee orientative circa l’ordinamento degli studi …………..273
2. Il direttorio ispettoriale: «sezione formazione»……………….283
3. Documenti sulla formazione …………………………………….. … 286

Periodo di riferimento: 2022

E.Vigano, « La formazione dei salesiani di Don Bosco», in « Principi e Norme » , 1985, 5-293.

Istituzione di riferimento:
Direzione Generale SDB
Direzione Generale SDB

Capitolo Generale dei Salesiani di Don Bosco – Salesians and lay people: communion and sharing in the spirit and mission of Don Bosco

This number of the Acts brings you the abundant material resulting from the GC24. In this way too are promulgated, in Iine with the Constitutions (C 148), the deliberations contained in two documents: the longer one concerning communion and sharing in the spirit and mission of Don Bosco on the part of Salesians and laity, and the other one which carries the modifications to the Constitutions and General Regulations together with other guidelines on the government of the Society.

Continue reading “Capitolo Generale dei Salesiani di Don Bosco – Salesians and lay people: communion and sharing in the spirit and mission of Don Bosco”

Pietro Braido – Preludio

In questo fascicolo di «Orientamenti Pedagogici» è adottata la formula monografica. Ogni anno un numero della Rivista sarà costruito secondo tale formula, tenendo presente qualcuno dei più vivi ed attuali problemi dell’educazione e della scuola. Questo è dedicato ai movimenti e alle organizzazioni giovanili. Non ignoriamo la massa di questioni che una trattazione organica
e approfondita solleverebbe.

Continue reading “Pietro Braido – Preludio”

Giovanni Bosco – Il galantuomo almanacco nazionale per l’anno 1856

È questa la terza volta che ho l’onore di presentarmi a voi, o venerali amici, per parlarvi di nuove vicende. Quest’anno ho tante cose gravi a raccontarvi, e di tale importanza, che mi vedo costretto a dividere la materia in alcuni capitoli. Comincerò ad accennarvi ciò che avvenne sul principio di quest’ anno per farmi strada al rimanente.

Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo almanacco nazionale per l’anno 1856”

Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco nazionale per l’anno comune ed embolismale 1859

Eccovi, Lettori cortesi, il solito umil l’Almanacco che v ’offriamo qual pegno della nostra gratitudine per la vostra cooperazione al sostenimento delle Letture Cattoliche, le quali certamente, se non fosse stato del vostro benevolo concorso, non si sarebbero potute pubblicare sino ad ora. Abbiatevi dunque questo picciol dono qual contrassegno della nostra riconoscenza, la quale è grande e sincera; ma insieme pigliatelo eziandio come una preghiera di continuarci il vostro favore per l’avvenire, sia con rinnovare la vostra associazione, sia ancora con adoperarvi che altri pure si associno. Eh già, mi direte, qui si vuol tirar l’acqua al suo molino. Ma noi crediate, di grazia. Qui non si tratta già di far intascare denaro all’amministrazione, ma bensì di metterla in grado di coprire spese da farsi necessariamente per la prosecuzione dell’opera e per pagar debiti. Che, se per la vostra cristiana sollecitudine ne rimarrà ancora sopravanzo, chi ne trarrà profitto sarete voi, Lettori umanissimi, giacché, crescendo i mezzi, si perfezionerà anche l’Opera, accrescendo i fascicoli e migliorando la carta e i caratteri e gli altri accessori. Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco nazionale per l’anno comune ed embolismale 1859”

Giovanni Bosco – Il galantuomo e le sue novelle. Almanacco pel 1863

Indice

  • Le quattro stagioni.
  •  Ecclissi
  • Computi ecclesiastici
  • Feste mobili
  • I quattro tempi 
  • Tempo proibito per celebrare le nozze solenni
  • Real casa di Savoia
  • Romano Pontefice
  • Calendario
  • Brevi notizie dei 26 martiri Giapponesi canonizzali il dì 8 giugno 1862 »
  • Loro martirio »
  • S. Michele de’ Santi »
  • Descrizione della solennità 8 giugno 1802 »
  • Novelle. Il Crocifisso d’argento
  • L’ultima ora di Camoens »
  • Singolare castigo di uno spergiuro »
  • Canzoni. L ’orfanello »
  • Il pensiero della morte »
  • Il mattino dei fanciulli »
  • Brevi cenni sul nuovo servizio postale che è posto in vigore il
    1 gennaio 1863 »
  • Osservazioni sulla nuova legge postale
  • Tariffa delle monete »
  • Valore delle monete estere al pari »

Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo e le sue novelle. Almanacco pel 1863”

Giovanni Bosco – Il galantuomo. Strenna offerta ai cattolici italiani. Almanacco pell’anno bisestile 1864

Il Galantuomo si presenta quest’anno vestito di nuovo e paffuto che è una delizia e spera non gli verrà fatta sgarbata accoglienza. Quantunque da undici anni abbia fatto conoscenza col rispettabile pubblico, egli è non ostante tuttora timido assai e facile a spaventarsi. Se qualcuno gli venisse a fare dei visacci ei ne potrebbe impaurire e poverino! morirsene di dolore. Invece se non lo si avrà a male che il Galantuomo continui a sedersi al banchetto delle strenne (e chi potrebbe guardar di mal occhio un Galantuomo?) egli promette che ritornerà l’anno venturo ad attestare la sua riconoscenza e, se non gli verrà data ragione di corruccio, assicura di venir tutto festoso e ridente. A lui non piace per niun conto altercare, e vorrebbe stringere la mano a tutti in segno di mutua comunanza d’idee e di affetti. Faccia Iddio che ei si possa avere l’anno venturo una si dolce consolazione. Amici cari, statemi sani, allegri con ogni ben di Dio. Leggetemi, fatemi leggere e vivete felici.

Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo. Strenna offerta ai cattolici italiani. Almanacco pell’anno bisestile 1864”

Giovanni Bosco – Galantuomo. Almanacco nazionale per l’anno 1871

Buon giorno, o miei venerali amici, eccomi di ritorno a Voi per la diciannovesima volta. Mi pensava in quest’anno, e forse l’aspettavate anche voi, che io dovessi comparirvi avanti vestito lutto in festa, inghirlandato di fiori, quale non fui mai per lo passato, e ciò in riconoscenza al gran bene che porterà a lutto il mondo il Concilio Ecumenico, e perla definita infallibilità del Papa. Invece ho dovuto stracciarmi le vesti di dosso, lasciarmi crescer lunga la barba, vestire a lutto il mio codino, a cagione dei fatti succeduti che voi tutti sapete, e perché non permetterò mai che si dica che il Galantuomo rida, mentre piangono migliaia dei suoi fratelli; e fratelli del Galantuomo sono pure quei tanti disgraziati caduti vittima (delle orribili mitragliatrici. Se vi ricordale io ve l’ho ripetuto le tante volte, che se non si cessava dal far peccati, dal bestemmiare, se non si santificava di più il giorno di festa, che il Signore ha voluto riserbarlo per sé, le cose ci sarebbero andate male, e ci sarebbero succedute gravi disgrazie. Sembrava a taluni che io dicessi una cosa strana, e per tanti ho parlato al vento, e si continuò a vivere come se Dio non fosse stato, o non si curasse punto di noi, e adesso ne vediamo coi nostri occhi le deplorabili conseguenze!

Continue reading “Giovanni Bosco – Galantuomo. Almanacco nazionale per l’anno 1871”

Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco per l’anno 1881

Nell ’accingermi a mandarvi i miei augurii, amici miei, un pensiero mi turba la mente, e siccome tra amici di data antica, conviensi che ogni cosa sia palese, non tralascierò di esternarvelo. Allo spirar di un anno ed al sorgere di un altro novello, dicono, anzi sogliam dir noi pure, che abbiamo un anno di più. Io per esempio, a chi mel richiede, senza preamboli e pronto, rispondo che ho 65 anni. E voi, amici, e voi quanti anni avete?….. Quanti anni ho!. Quanti anni avete?. Ohimè, quanto mal si conviene il verbo avere in questa interrogazione, e quanto andiamo errati nell’adoperarlo nella risposta! Noi semplicioni, non- ci accorgiamo che la cosa avvien tutto all’opposto, e che gli anni i quali noi diciam di avere, quelli appunto sono, che più non abbiamo. Sono dessi il terribile sottraendo di quell’operazione aritmetica, incomprensibile direi, e sola, cui dovremmo tener fissa la mente nostra, ogni momento. Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco per l’anno 1881”

Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco per l’anno 1887

Buon di, e buon anno’, cari amici, e ima stretta di mano (la galantuomini ! È già da parecchio tempo elio mi lambiccava il cervello per farvi gli auguri del capo d’anno con un presente, che fosse gradito a voi ed a me, ma finora sono stato sempre ondeggiante fra un pensiero e l’altro, senza nulla concludere di sodo. Pur finalmente, quando aveva tutt’ altro in testa, mi è capitato un casetto, che mi spianò la strada, e, senza pensarci, mi fruttò il presente volumetto di strenna.

Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco per l’anno 1887”

Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco nazionale per l’anno bisestile 1988

Cogli auguri pel capo d’anno ti presento, benigno lettore delle Letture Ascetiche, la strenna che in quest’anno ho stabilito offrirti. 
Ma prima di tutto sento il dovere di ringraziarti della costanza con cui seguiti l’abbonamento alle nostre letture, specialmente se procuri che siano lette da molte persone. Questo è ciò che desidero ardentemente, ed è il vero fine che mi sono sempre proposto nel pubblicarle. I libri buoni sono un pascolo dell’intelletto e del cuore, ed un antidoto contro l’errore e l’immoralità. Considerati sotto questi due aspetti, tu vedi la necessità di propagarli e di farli leggere.

Continue reading “Giovanni Bosco – Il galantuomo. Almanacco nazionale per l’anno bisestile 1988”

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑