Luigi Ricceri – Noi missionari dei giovani

  • L’incontro con gli Ispettori
    • Guardare al domani con occhi di speranza
    • Verso il Centenario Missioni.
  • NOI MISSIONARI DEI GIOVANI
  • La nostra missione: evangelizzare i giovani
    • “L’evangelizzazione è ancora in principio”
    • Il quadro non è confortante
    • La nostra risposta
    • I tre impegni presi dal CGS.
  • Il nostro problema: come evangelizzare oggi
            •  
    • Condurre all’amicizia con Cristo risorto
    • Occorrono salesiani ben preparati
    • Catechesi nella liturgia e nella vita
    • Con stile e in clima salesiano
    • Dietro i giovani impegnati, c’è sempre un Salesiano.
  • Momenti e situazioni della nostra missione
    • Oratorio e Centro giovanile
    • La scuola salesiana
    • Quando c’è ipertrofia di scuole
    • Il coraggio di ridimensionare
    • I laici nella comunità educativa
    • ‘Il nostro contributo al movimento catechistico.
  • Conclusione: domani forse sarà troppo tardi
  • Due esortazioni di Paolo VI.

Periodo di riferimento: 1975 – 1975

L. Ricceri, noi missionari dei giovani, in «Atti del Capitolo Superiore» 56 (1975) 279, 3-45

Giovenale Dotta – Dall’Oratorio dell’Angelo Custode all’Oratorio di San Luigi: Leonardo Murialdo tra don Cocchi e don Bosco nei primi oratori torinesi. (Seconda parte)

L’articolo si propone di ricostruire le origini e i primi decenni di storia (18401870) di due tra i più antichi oratori torinesi, quello dell’Angelo Custode, fondato da don Cocchi, e quello di San Luigi, aperto da don Bosco.

Continue reading “Giovenale Dotta – Dall’Oratorio dell’Angelo Custode all’Oratorio di San Luigi: Leonardo Murialdo tra don Cocchi e don Bosco nei primi oratori torinesi. (Seconda parte)”

Giovenale Dotta – Dall’Oratorio dell’Angelo Custode all’Oratorio di San Luigi: Leonardo Murialdo tra don Cocchi e don Bosco nei primi oratori torinesi. (Prima parte)

L’articolo si propone di ricostruire le origini e i primi decenni di storia (1840-1870) di due tra i più antichi oratori torinesi, quello dell’Angelo Custode, fondato da don Cocchi, e quello di San Luigi, aperto da don Bosco.

Continue reading “Giovenale Dotta – Dall’Oratorio dell’Angelo Custode all’Oratorio di San Luigi: Leonardo Murialdo tra don Cocchi e don Bosco nei primi oratori torinesi. (Prima parte)”

Luigi Ricceri – Don Rua: fu il servo fedele – Fu il salesiano tutto di Don Bosco – Il suo messaggio per gli anni ’70

Indice:

  • Don Rua: fu il servo fedele
    • Credette nella santità di Don Bosco
    • Se fosse oggi al timone
    • La fedeltà è attuale.
  • Fu il salesiano tutto di Don Bosco
    • Carità di pastore
    • Lavoro e temperanza
    • La mansuetudine
    • L’amorevolezza
    • Due predilezioni: i giovani e l’oratorio
    • Volle la Congregazione missionaria
    • Sollecitudine per i Cooperatori
    • Amore per gli Exallievi.
  • Il suo messaggio per gli anni ’70
    • Se avessi dieci Don Rua
    • Con gli operai
    • Un invito nel nome di Don Rua
    • Essere fedeli oggi.

Periodo di riferimento: 1972 – 1972

L. Ricceri, Don Rua: fu il servo fedele – Fu il salesiano tutto di Don Bosco – Il suo messaggio per gli anni ’70, in «Atti del Capitolo Superiore» 53 (1972) 268, 5-26

Pascual Chavez Villanueva – «Voi che cercate il Signore, guardate la roccia da cui siete stati tagliati» (Is 51,1) Presentazione della Regione Interamerica

Indice:

  • INTRODUZIONE.
  • STRUTTURA E STORIA DELLA REGIONE. Zona Andina. Ecuador
    • Colombia: Ispettorie di Bogotà e di Medellin
    • Perù
    • Bolivia. Zona Mesoamericana. Ispettorie di Messico

Continue reading “Pascual Chavez Villanueva – «Voi che cercate il Signore, guardate la roccia da cui siete stati tagliati» (Is 51,1) Presentazione della Regione Interamerica”

Stanisław Zimniak – Il contributo di don August Hlond allo sviluppo dell’Opera salesiana nella Mitteleuropa

Dobbiamo subito dire che il periodo della vita salesiana del Primate di Polonia, card. August J. Hlond non è stato, finora, oggetto di uno studio monografico. Perciò non stupisce il fatto che il suo operato salesiano sia davvero poco conosciuto, se non addirittura ignorato.

Tanto è vero che in numerosi articoli e studi riguardanti la sua ricca attività di pastore e fondatore di nuove famiglie religiose, l’apostolato salesiano viene trattato in modo irrilevante.

Continue reading “Stanisław Zimniak – Il contributo di don August Hlond allo sviluppo dell’Opera salesiana nella Mitteleuropa”

Giovanni Battista Francesia – Suor Maria Mazzarello ed i primi due lustri delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Memorie

Nel 1906 le Superiore delle Figlie di Maria Ausiliatrice affidarono a Giovanni Battista Francesia   l’incarico di scrivere una biografia su Maria Domenica Mazzarello. Lo scopo che l’Autore si prefisse fu quello di presentare alle suore che non ebbero la fortuna di conoscere la loro prima Superiora facendola emergere come modello di vera Figlia di Maria Ausiliatrice. Le fonti utilizzate dall’Autore sono le testimonianze di quanti conobbero Maria Domenica, (soprattutto delle suore, di Giovanni Cagliero e di Giacomo Costamagna), i ricordi personali (egli infatti aveva avuto due incontri con sr. Maria Domenica Mazzarello: a Mornese nell’ottobre 1864 e a Genova il 13 novembre 1878), la cronaca generale dell’Istituto delle FMA, alcune lettere della Santa e alle pubblicazioni di Giovanni Battista Lemoyne. Continue reading “Giovanni Battista Francesia – Suor Maria Mazzarello ed i primi due lustri delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Memorie”

Ibtissam Kassis – Ispettoria Medio Oriente “Gesù Adolescente” delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Sviluppo delle opere (1891-1950)

L’Ispettoria Medio Oriente (MOR) delle FMA è presente in cinque nazioni e sei stati (considerando la Terra Santa un’unica nazione ma con due stati). Tre religioni. Un mosaico di confessioni e di etnie. I cristiani sono una minoranza, musulmani e cristiani di altre confessioni sono da conoscere, accogliere ed amare. Le FMA hanno operato dall’inizio in un difficile contesto di guerre e di conflitti. Ma ciò nonostante si è assistito allo sviluppo di varie opere, secondo le possibilità dei diversi periodi e contesti. Come costante nella missione delle FMA emerge la premura per l’istruzione della donna, l’attenzione ai ceti popolari e ai poveri, e il senso dell’arte coltivato in tutte le sue espressioni. La loro opera ha avuto risonanza positiva in diversi momenti nei giornali locali.

Periodo di riferimento: 1991 – 1950

Ibtissam Kassis, Ispettoria Medio Oriente “Gesù Adolescente” delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Sviluppo delle opere (1891-1950), in Istituto Storico Salesiano – Centro Studi Figlie di Maria Ausiliatrice. Aldo Giraudo et alii (eds.), Sviluppo del carisma di Don Bosco fino alla metà del secolo XX. Comunicazioni. Atti del Congresso Internazionale di Storia Salesiana (Nel Bicentenario della nascita di Don Bosco), Roma 19-23 novembre 2014, Roma, LAS 2016, pp. 345-354.

Pietro Braido – L’Oratorio salesiano in Italia, “luogo” propizio alla catechesi nella stagione dei Congressi (1888-1915)

Da don Bosco e dai suoi continuatori l’oratorio fu sempre considerato istituzione giovanile primaria non solo cronologicamente. Di essa si tenta in questo contributo di cogliere l’idea e l’immagine in uno spazio geografico e in un segmento temporale, ritenuti privilegiati.

Continue reading “Pietro Braido – L’Oratorio salesiano in Italia, “luogo” propizio alla catechesi nella stagione dei Congressi (1888-1915)”

Maria Teresa Spiga – La presenza delle Figlie di Maria Ausiliatrice negli anni 1925, 1940 e 1955 nei diversi continenti

La ricerca prende in considerazione i dati relativi agli anni 1925, 1940 e 1955, in particolare quelli delle Case, del personale FMA, delle opere e dei destinatari delle opere. Le opere a cui le FMA hanno dato vita, nella molteplicità delle loro denominazioni, rivelano come la preoccupazione di educare le ragazze e le giovani abbia fatto loro intraprendere percorsi audaci e inaspettati, e nello stesso tempo, innovativi rispetto ai tempi e alla condizione concreta delle comunità, che nel contesto del presente lavoro si vogliono documentare. L’oggettivo della ricerca è offrire un database che, pur con i limiti delle fonti disponibili, costituisce un primo screening per l’implementazione di una piattaforma di informazioni per ulteriori studi e ricerche, sia di carattere storico che di carattere sociologico. I dati ottenuti ed elaborati delineano la “geografia” della presenza delle FMA nei paesi al di fuori dell’Italia e sono preceduti da alcune annotazioni metodologiche concernenti le fonti analizzate e il loro trattamento in sede di ricerca.

Periodo di riferimento: 1925 – 1955

Maria Tersa Spiga, La presenza delle Figlie di Maria Ausiliatrice negli anni 1925, 1940 e 1955 nei diversi continenti, in Istituto Storico Salesiano – Centro Studi Figlie di Maria Ausiliatrice. Aldo Giraudo (eds.), Sviluppo del carisma di Don Bosco fino alla metà del secolo XX. Relazioni. Atti del Congresso Internazionale di Storia Salesiana (Nel Bicentenario della nascita di Don Bosco). Roma 19-23 novembre 2014, Roma, LAS 2016, pp. 69-85.

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑